martedì 7 febbraio 2017

NEL CIELO INFINITO (BELGIRO DI MARZO)

Guardando il cielo
lassù una luce che splende
dove quel fondo non ha fine,
come se qualcosa o qualcuno
vorrebbe parlare di me,di un tempo
trascorso d'un vicino cammino,
m'incanto osservando quel punto
di luce,lo sento vicino come fosse
già mio,
un calore inumano attraversa
il mio corpo,come se un anima
s'impadronisse di me,
è un bianco leggero come
un velo di seta, trasparente
alla luce ma corposo al mio cuore,
è lei e non ci sono dubbi
son sicuro di me,la mia mamma
di luce,
generatrice di un bimbo cullato
nei tempi.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento