sabato 18 febbraio 2017

LA GIOSTRA di RINA SARCONE


Vanno via
sguardi,
lasciando solitudine
tra l'inquietudine.
Rimangono
giorni infiniti,
come in una giostra,
come giochi di bambini.
Perdersi piangendo
lontano nel buio,
e' come vedere il presente
e non ascoltare più
l'eco nascosta
nel mio cuore...
E' come perdersi
e poi ritrovarsi
senza parole,
qui aspettando. L'amore...
RINA S.
Coperto da Copyright

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento