sabato 11 febbraio 2017

E MI AFFIDO A TE di CESARE MOCEO

Testimone silenzioso
delle mie tenerezze e delle mie severità
torno spesso col pensiero
alla mia infanzia
vissuta nella più infima povertà
in giornate passate a pregare il Signore
nel prezioso orgoglio della Sua benedizione
e nella fatica stravagante
di soffocare la mia ribellione a questo mondo
che mi costringe a vivere amante di me stesso
E m'immergo in questa cura
a scrivere parole e rime
per lenire i dolori che soffro
e cercare e trovare nell'inchiostro
l'unico antitodo contro la mia rabbia e i miei tormenti
. © ®
Cesare Moceo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento