venerdì 24 febbraio 2017

CHARLES MECCHARLES

Che mai sarà
un'illusione?
L'astrusa danza d'una libellula
o il faceto gioco del destino?
Chi mai può dirlo!
Se certezza vuoi dal dubbio
per man ti condurrò nella fantasia,
dove la pace è regal Regina
d'ogni tuo sogno immacolato.
E se dell'impossibile vuoi sentir voce
non lesinar nel seguirmi
un po' più lontano del tuo naso …
Squallida quella corsa
ad accumular denari …
ma corri uomo corri
con il cuor arido finchè …
ti fermi tra bianchi guanciali
e lenzuola immacolate … all'obitorio!
La morte,
bieca cagion del vivere;
di quell'eterno oscillar
tra sogno e realtà.
Non da meno l'illusione
sospinge l'uomo nel paradiso,
ove pace e serenità regnan
di combutta e di soppiatto
all'inquietudine del caos,
che irriverente ci commisera!
Ahh, che guaio quell'illusione.
Partisse …
meglio sarebbe!
Bianco … o nero,
chiaro … o scuro,
giorno … notte,
vita … o morte!
Tutto più chiaro,
lampante …
- E dei miei sogni …?
Quelli l'abbiam relegati
nell'eternità …!!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento