lunedì 20 febbraio 2017

CARNEVALE di VINCENZO MESSINA


Ma comm' sò' venuto stammatina
aggio bussato a'porta 100 vote
nunn's'arapev' nu silenzio strano
penziere nire aggio abbiato a ffà'...
Te truvo' sempe pronta ogni matina
chillu surriso tuoio sta sempe llà
'o vico po' addiventa chino 'e sole
si'o tiempo e nire tu 'o faje schiarà...
 E mentre 'stu penziero m'accedev'
l'amica toja passa a fianco a me
me dice ne Viciè ma nun saje niente?
Assundulella se ne ghiuta 'a ccà...
Sì nzieme a nu guagliono l'anno vista
ca s''o vasave abbascio a' Sanità
pirciò stanotte nun se arritirata
e nzieme a chillo mò chisà addò stà...
All'impruvviso jo nun capevo niente
nun riuscevo cchiù a respirà'
stevo svenenno me sentevo male
Assundulella nun me l'era fà...
E mentre ca cercavo e fermà''e lacreme
ddoje mane ngopp'a l'uocchie e na vucella
areto 'e spalle tu ca me dicive
guagliò e carnevale sto a pazzià'...
Vincenzo Messina ...

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento