sabato 28 gennaio 2017

VORREI (PAOLA SVIBEN)

Vorrei vestirti della mia pelle, rivolgermi alle stelle, osare chiedendo al Cielo pure la Luna perché so che con te avrò fortuna.
Vorrei accarezzare di te ogni centimetro, percorrere ogni chilometro stretti per le mani perché so che con te sarà un radioso domani.
Vorrei gustarmi sempre il tuo ritorno, giorno dopo giorno, abbracciarti dopo il duro lavoro perché il tempo con te vale oro.
Vorrei ascoltare ogni notte il tuo respiro mentre io, beata, al suo ritmo sospiro e spengo la luce perché solo tu sai donarmi quel senso di pace.
Vorrei pensare che non conosceremo mai la sofferenza ma sono consapevole che ogni vita non ne è priva, proviamo a coglierne l'essenza. Sapere allora che mi sarai vicino perché mi basta che io e te dormiremo sempre sullo stesso cuscino.
Vorrei fotografare ogni ruga del tuo viso quando la bocca e i tuoi occhi si illuminano in un sorriso come un arcobaleno di emozioni da cogliere al volo perché così sai essere solo tu, tu solo.
Vorrei parlare, parlare, parlare di quanto io non immaginavo si potesse amare, di chi eravamo prima di conoscerci perché sappiamo che è stato un miracolo trovarci.
Vorrei sentirti gemere di piacere quando i nostri corpi si sfiorano, si amano, lasciarli comunicare col loro linguaggio perché sappiamo che si capiscono (e si assaggiano).
Vorrei assaporare il miele che rende liquidi i tuoi occhi come un dono spontaneo perché è senza carta, senza fiocchi.
La nostra realtà è verità, impossibile da celare perché non c'è velo ad offuscare questo amore che va oltre il cuore, avvolge anche i sensi e la mente in una dimensione di eternità...
ed io mi accorgo che vorrei...ciò che ho già.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento