martedì 17 gennaio 2017

ORIZZONTI SFOCATI (CESARE MOCEO)


Vagano nella mente
ricordi di tribolazioni e insonnie
nelle ore deturpate
dal gelo del tempo che passa
Andare oltre i silenzi degli sguardi
duri del mondo
mi resta
a subire sudari
d'orrende e eterne condanne
tra gl'istanti che la vita concede
E accetto con sincerità d'intento
la complicità dei desideri
anche con maldestre parole
e nella coscienza di vivere
d'immortali pensieri
orizzonti sfocati
del mio sole prigioniero di sé
. © ®
Cesare Moceo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento