sabato 14 gennaio 2017

‘O TIEMPO (FAUSTO MARSEGLIA)


Quantu tiempo è passato
cammenanno pe ‘sta via.
Stevo sempe ammartenato
e nun mancava l’alleria.
Quantu tiempo se n’è gghiuto
currenno appriesso a ll’ammore
quannn’ ‘o core era sturduto
e faceva ‘o cantatore.
Quantu tiempo è vulato
tra n’abbraccio e na carezza,
e tra nu suspiro e n’ato
arrassava ll’amarezza.
Quanta vote int’ â vernata
mmiez’ a tantu friddo e ggelo
me sentevo na vampata
a gguardà ‘e stelle ncielo.
Quanta vote a primmavera
vedenno schiuppà nu sciore
me sentevo ‘e n’ata manèra
e cchiù forte era l’ammore.
Quanta vote int’ â staggione
se ‘nfucava cchiù d’ ‘a vrasa
chistu core p’â passione
e cercavo mille vase.
Quanta vote int’ a ll’autunno
quanno ‘e ffoglie accartucciate
scapezzeano e vanno ‘nfunno
chistu core hanno ‘ncantato.
Quantu tiempo è passato
pazzianno 'a vita sana.
Ggioie e ddulore ce sso state…
E mmo tutto fuje ‘a mano.
(F.M.)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento