lunedì 16 gennaio 2017

NOMADE (RENATO FEDI)

A fissar dei limiti
nel camminare il mondo
non mi è riuscito,
l’andare l’ho abbeverato
di sorrisi e dolori,
cedendo orme alla pietà.
Di questo vivere
tra il confondersi d’idee
nulla ho rifiutato,
tutto m’ha reso più ricco,
finanche l’ignavia
appesa alle labbra vuote.
Mi ritrovo adesso
in un’epoca d’apparenza,
tra display accesi
e parole sparse nell’etere,
un antico nomade
che non sa ritrovar la via.

1 commento:

Lascia il tuo commento