martedì 24 gennaio 2017

N'AIZATA E 'NA CALATA di BELGIRO DI MARZO




Sponta a luce da matina
rosa é fuoco brillantina,
sceta l'uocchio 'mbriacato
chiene é suonno da nuttata,
'o buongiorno savvicina
frisco tuosto é birichino,
'na chiammata 'pa jurnata
mieze juorno add'arrivà,
chillo sole 'mpertinento
guarda 'n faccia divertento,
chisto è 'o pranzo all'ora
é famma,'n'abbuffata dint'
a panza,
passa l'ora é sollevante
s'avvicina la calante,
scuro 'o cielo s'addeventa
mentre 'o sole 's ne scenne,
sera é notte é chiena luna
tutte é stelle fanno lume,
comme fosse n'aizata
passa 'o juorno a 'na calata.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento