giovedì 19 gennaio 2017

'NA PARLATA E CORE (BELGIRO DI MARZO)


Guardanne attuorno a me
'nu riflesso é niro m'accumpagna,
è brutto a scurtucà 'o muro
du passato,
è niro é senza luce
'p guardà,
'na cumpagna mia di lettura
m'ha dato 'nu vaso russo
'n faccia 'o musso,
'cu 'nu sguardo penzieruso
é a marpione... nu riflesso pronto
é a vaso 'n fronte,
'o muro è niro,ma sta scintilla é vaso
'nghiacco 'o scuro a forme é core
diventa russo comme 'o fuoco,
forse è ammore 'ca nun trovo,
é si, parlamme natu 'ppoco
facimme sta nuttata tutta é oro.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento