lunedì 23 gennaio 2017

CURIOSITÀ DI UNA BAMBINA di MARIA CRISTINA SABELLA

Curiosità di una bambina☆¸.✿.¸.•´ ¸.•´.-✿
¯**´¯**´¯`˜”*°•.•.¸ღ¸☆
La lingua di mio padre
era curiosa
come l'aquila
dalle due teste nere
che sventolava
in un rosso acceso,
da piccola
mi incuriosiva
e chiedendomi
se fosse più intelligente
nessuno sapeva
descrivermela
se non in quella lingua
che mi stupiva.
Guardavo la faccia
di mia nonna Cristina,
un po particolare
nel suo essere di nero vestita,
nei giudizi cattivi
che dava a mia madre,
non si è mai fatta amare,
la sua mamma Alberida
era una roccia
una vecchietta di quasi 100 anni
con tante rughe e forza nel parlare,
si è lasciata ricordare
per la sua storia singolare .
Non venivano da oltre mare
ma da una terra dura da zappare
e il sole che cuoceva
la pelle e il cuore,
ambrando quei visi stanchi
dal duro lavoro dei campi,
il giorno salutava la notte
con le campane che suonavano
a morto, nel chiostro
dove sogni infranti
gridavano silenti.
La lingua di mio padre
arbëreshë
resterà scritta nel cuore
tra le piume di un' aquila
a due teste nere
che sventolano sull'asta
posta in alto del comune del paese.
(@Sabella Maria Cristina 17 Gennaio 2017)
diritti riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento