martedì 6 dicembre 2016

UNA SORTE MIGLIORE (CESARE MOCEO)

Sopporto fardelli d'ingiustizie
nel desiderio di vivere oltre
con il cuore a soggiacere
a mille occhi malvagi
che già da tempo
mantengono in ceppi la mia anima
E soleggio i perché
delle angustie del mondo
da sempre sovrastato
dal giudizio del Cielo
ammansendo il mio Essere
nel baratto di questa falsa vita
con l'illusione di una vita vera
nella volontà di predicare il bene
nell'immenso piacere
di seguitare a scrivere
E non m'attardero' ancora in tormenti
che corrodono il vivere
rendendomi incapace d'agire
e vincerò
prima che la forza d'afferrare una sorte migliore
m'abbandoni
.
cesaremoceo
proprietà intellettuale riservata
Copyright

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento