martedì 13 dicembre 2016

‘O VACANTE (BELGIRO DI MARZO)




Uocchio durmiente
é mane vacante,
sent’ ‘o lamiento
da povera ggente,
triste è a jurnata
‘ p chi nun fa niente,
manca a fatica
é nun campa a famiglia,
‘s cerca int’ ‘o suonno
‘o cunforto pu juorno,
mangia spavett’
é a carna é filett’,
‘na fantasia perfetta
é senza difietto,
ma a casa è vacante
senza sold’ é sustanza,
‘nu juorno chiù n’ato
è uguale a chill’ato,
tutto è vacante
da capa alla panza,
mentre lu ricco
felice é cuntento,
s’abboffa ‘o ntestino
‘ca pasta é cu vino.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento