giovedì 8 dicembre 2016

'NA GIARRETTIERA M'HA RICCONTATO (RENATO FEDI)


Regazzì, quante n’ho arette de carze
posate su cosce toste, puro ‘nfocate,
ho fatto a ‘e voje piatto da pietanze
de beceri panzuti annati a mignotte,
so’ stata er zogno de baldi giovinotti,
pe’ guardamme faceveno a cazzotti .
So’ stata ‘a via pe’ vera perdizzione
si facevamo coppia, rosse de colore,
a li cornuti ho dato ‘a convinzzione
c’ha tojeme fussero li soli mattatori,
so’ stata ‘a vertiggine de’ l’ommini,
l’ingresso vero de ‘a casa dei destini.
Ne ‘st’epoca però so’ assai ’ntristita,
io c’ho fatto ‘ngrifà anche li regnanti
mo vivo drento ‘n cassetto trasferita,
buttata via pe’ fa spazzio a li collanti,
carze strane, s’areggheno da sole,
‘na ferita pe’ chi vôle guardà er zole.
Regazzì, ner buio io nun ce so vive,
portame via da ‘sto fetente mobbile,
vojo du’ cosce toste, de carze prive,
pe’ tojeme de dosso ‘sta troppa bile …
daje che si ciariesci te porto a vede
‘ndove l’ottava meravija ce risiede.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento