martedì 13 dicembre 2016

E 'O VOJO PROPRIO DI' (RENATO FEDI)


Tojemo spazzio a tutte ‘e canaje
che viveno er webbe pe’ fa’ ride,
sparanno bufale fritte senza brije
e co’ ‘e parolacce creeno coride.
Ciaschiduno cià ‘a sua credenza,
chi è destrorzo e chi va a sinistra,
chi è grillino e chi a nulla penza
tutti volemio magnà ‘a minestra.
Regazzi, a fa’ parole lì dar vetro
ognuno de noi sa nasce maestro,
a staparlà è facile si stai lì dietro
e gnente dichi p’ariempì er cesto.
Fateve mijori, pesatele ‘e offese,
stateve zitti, armeno pe’ ‘sto mese.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento