lunedì 28 novembre 2016

USANZE (OTELLO SEMITI)


Oramai nun c'è più ritegno
me sembra che Natale se festeggia tutto l'anno.
Adesso che manca un mesetto è già finito l'effetto.
Me ricordo che da piccoletto se ne poteva parlà solo dopo l'otto,
de dicembre n'tenno,altrimenti se faceva un peccato orrenno.
L'alberello,che non era finto,
lo armediava Papà la pè la macchia,
se addobbava dopo la Madonna
cò quello che uno c'aveva,
quattro pallette de cartone,du'candeline mezze squagliate,
du'stelle filanti de stoffaccia e chi più ne ha ne metta.
Vicino se facea er Presepio,cor muschio vero
verde e profumato de la macchia da do'era venuto.
La lettera per Babbo su un pezzo de carta riciclato
tanto che a volte quer poraccio, nun capenno,
te lasciava er carbone pigliannote pè disordinato.
Me ricordo anche che se facea un fascietto de legnette,
uno de fieno,un tozzo de pane ed un bicchiere de vino,
tutto vicino ar camino,
così che Babbo quando scennea se lo trovava vicino.
Se de le vorde nun gradiva pigliava e poco te lasciava:
du' fichi secchi, un mandarino,
un arancio se proprio eri un signore,
un giocattolo per un riccone,
ma a tutti lasciava la gioia e l'amore
e l'usanza da non far morire,
perchè in essa c'era la speranza
per un anno dopo migliore.
Caro Babbo Natale mò te sei motorizzato
porti regali mozzafiato
perciò per essere adeguato
devi anticipatte sennò arimani n'guaiato.
Credimi ora che son vecchietto
più non preparo il fascetto
mi mancano i tuoi doni
gioia,amore,speranza,
perchè non sento più che è festa
perchè tutto passa così in fretta
e ti sei fatto puro la slitta elettrica.
Caro Babbo Natale,
in fondo in ognun di noi
c'è sempre quel bambino,pardon “Fanciullino”
quindi te ridomanno anche per quest'anno
quel poco de regali che da 'na parte stanno
così non spenni troppo
ma fai felice il mondo tanto.
...28/11/2016...
...l'otello...sem
...diritti riservati...

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento