domenica 20 novembre 2016

SOLO UN BARBONE (MICHELE MELILLO)


Navigo fra isole deserte
E situazione incerte
Sorvolo cieli senza lune
Passeggiando solitario fra immense dune
Cammino con zaino in spalla
Facendo mio letto ogni stalla
Mi chiamano barbone
Ma è solo la loro opinione
Non sono abituati a comprendere
E più in là cercar di vedere
È più facile per loro sentenziare
E ciò che non capiscono condannare
Ed intanto da naturale sorgente
L'acqua placa la mia sete e disseta la mia mente
E alberi mi donano il loro frutto senza sentir pena
E soddisfano il mio pranzo e la mia cena
E continueranno a chiamarmi barbone
Senza capire nessuna mia azione
Ed io continuo a saziarmi di natura
Senza alcuna paura
E di loro ho pena
Poco vero sangue scorre nella loro vena
Forse se solo una volta si fossero fermati a parlare
Oggi saprebbero ancora amare
Ed io so che quando morirò
Non soffriro'
Sarà solo l'inizio di un nuovo viaggio
E del Mondo continuerò ad essere paggio
E mi dispiace per loro
Che della loro vita han fatto un continuo traforo
E lo dico anche io si sono un barbone
Ed è proprio questa la mia infinita emozione!
Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Escluso Mortimer

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento