mercoledì 16 novembre 2016

OCCHI DALLA TORRE (GIORGIO BISIGNANO)




Tristi le notti insonni
sull’accorato letto
celarti più non reggi
dal buio della notte.
Bella fanciulla piangi
del tuo amor perduto
mesto struggente è l’addio
dai verdi suoi begli occhi.
Dall’alta torre miri
la landa desolata
solo un cavallo bianco
segue il suo destino.
Solo il destriero vaga
perduto ha il cavaliere
perso in battaglia forse
nel sangue adesso giace.
Vagano suoi azzurri occhi
su quel cavallo bianco
or riconosce stemmi
del cavalier che amava.
16-11-2016
Giorgio Bisignano
( Foto web)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento