mercoledì 19 ottobre 2016

PAURA (ANTONELLA MORINI)


E' questo
che ricordo;
di notte
i fantasmi
fanno il loro ingresso
nei miei sogni.
Incubi
perseguitano
il mio sonno.
Paura,
parola impressa
sulla mia pelle,
rumori assordanti
di esplosioni,
di grida disumane.
Il pianto
di una bambina
cattura la mia attenzione,
seduta su macerie
con il fratellino
adagiato
sul tremolio
di esili gambe.
Impotente
cerco
una spiegazione
che mai
potrò dare.
"Io c'ero!"
ed è tutto quello
che posso dire,
il resto
si chiude
in un silenzio perpetuo.
Antonella Morini

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento