lunedì 10 ottobre 2016

'NISCIUNO...'CUMME A ULISSE (BELGIRO DI MARZO)




'Nu piezzo é omme é 'cu 'na certa affermazione,
'm 'mpone 'na domanda cullerosa,
chi si c'allucca r'inta a rotta?
Tu 'ca daje fastidio mentre rormo?
Io guardanno 'n cielo é cu l'uocchio
sbalordito...l'altezza è grossa e io
so piccirillo,
risponno cu 'na certa autorità,
so nisciuno cumme a chillu 'llà,
nisciuno? 'E pecchè 't truovo ccà?
'P sbaglio piezzo é ommo,'na varca
a mare 'm cià purtato.
Raccuntanne a storia mia
'o gigante stà sentì,
'na vota ero 'o re....sempe comme
a chillu 'llà,
'na vita é guerra 'p tenè 'o regno unito
...'nu penzà ca fosse l'Inghilterra?
Io parlo 'ra casa mia...'nu castello
'ca regina,
eroe é mare,eroe é terra...ma,
pezzente 'm so truato,
tanta lotta 'p nun fà niente,
almeno chillu 'llà teneva a essa
che 'cu 'na tela l'aspettava,
'nciarmava é sciarmava, aspettane
'o re 'ca le turnava,
io so nisciuno, senza essa
é senza tela,
l'unico piezzo é tela 'ca mè rimasta,
è 'nu piezzo é stoffa 'p pittà.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento