domenica 30 ottobre 2016

MADRE TERRA (PAOLA BOSCA)

Tremano le tue viscere
e Dio non può abbracciarti
i singhiozzi dell'anima scuotono i muri
cade nel ventre il crocifisso
non possiamo cessare le tue lacrime
madre sfregiata da prole distorta.
Ogni tuo brivido uccide
ogni tuo sussulto spalanca voragini
ogni tua paura traccia la nostra.
Sei terra insanguinata
violentata da chi non sa amarti
tremito di veleno iniettato
uno schianto nel cuore
e si contano i cadaveri
nessun rosario placherà il convulso.
Dio non conosce il patimento
noi preghiamo sotto la tua croce
che luce sia per i ciechi d'amore.

Dal cielo una tribolata ninna nanna piega le ginocchia all'altare.
©Paola Bosca/registrata

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento