lunedì 17 ottobre 2016

IMPIETOSA SOLITUDINE (GIORGIA CASTELLANI)


Appena scompare la regina
della notte lassù
mi ghermisci, e fuggo via 
da questo silenzio che trama dentro
morde sui fianchi
impietoso cancro.
M'affaccio tra desolazione e forte scirocco
affonda il respiro che non risale
morsa stringe la gola
che non riesce a gridare.
S'alza forte il lembo
d'una veste sobria
ci fosse almeno qualcuno
che mi guarda con occhi diversi
forse m'acconterei anche d'un bacio
di pietà.
@ copyright

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento