lunedì 3 ottobre 2016

IL MIO DOMANI (MAYA CAU)


Non ha né ora ne tempo il dolore,
arriva all'improvviso come il vento
mi scuote senza pietà, e come frustata
arriva la tua voce arrampicata
sui capelli del vento, scivola per le
vie dell'anima rovistando tra parole
d'amore morte per inerzia.
Squarcia l'oblio il mio silenzio
si riaprono ferite ormai divenute anziane,
ma, lacrime non verserò più.
Non potrà mai ricongiungersi
l'amore spezzato malgrado
assillanti piagnistei e invocazioni
disperate fuori tempo.
In solitudine lacrimerò ancora
mesti pensieri quando l'inverno
giungerà di nuovo e coprirà
di gelo le mie illusioni.
Come scheletri raggelano
i sentimenti ma non mi arrenderò.
Incerta è stata la vita con me
incerto il passo dell'amore
eppure, nel cuore serbo frammenti di luce
e piccoli germogli di speranza
per potermi inventare e scrivere
ancora il mio domani.
Maria Cau
D.R.L633/1941/

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento