martedì 25 ottobre 2016

FUJENNE ‘CU TIEMPO (BELGIRO DI MARZO)


Fujenne é scappann’
‘o lilorgio ‘m stanca
é i voglia é uardà
chell’ora ‘ca passa,
a lancetta cchiù grossa
i minuti cunzuma,
l’ora è ‘ra ninna
piccerella é fa male,
‘o tiempo che scorre
é cchiù viecchio ‘m faccio,
penzanne a furbizia
mo fermo ‘o lilorgio,
può darsi ‘s blocca
a vicchiaia vicina,
tra rughe é pellecchie
‘m parano serchie,
‘o tiempo è ‘nu uaio
se scappa ‘cu ll’ore,
io provo a campà
‘cu juorno è ‘cu mese,
ma passano l’ann’
é i cosce nun vann’,
‘o tiempo è passato
é nun pozzo che fà,
resto ‘na ppoco
‘cu ll’ore ‘ru juorni,
speranne che a notte
chiù tard’ ‘s vere.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento