mercoledì 21 settembre 2016

VESTITA D'AUTUNNO (CARLA STAFFIERI)

ti sento addosso, autunno,
un vestito che aderisce sulla pelle
mi avvolgi dell’aria tua del vento
che passa e non scalfisce il tempo e l’ore
danzerei in te con la pioggia che disseta l’ arsura
leggiadrìa d’un canto che si fa richiamo
attenderei come locusta sul ramo un nuovo giorno
l’abbraccio che aspetta una nuova luna
ti sento avvolgermi, autunno,
in un tempo che sembra fermarsi
a ricordarmi l’effimero vivere
nella tentazione delle fugaci ore
aspetterei nel riflesso della luna
una nuova notte cui seguirà un’alba
e non sarà più il vento a far tremare la foglia
sorseggerò rugiada chinando il capo
nell’imprudenza d’una nuova certezza
e dell’abbandono diverrò sconsolata preda
C.S.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento