domenica 4 settembre 2016

STEFANO ZARAMELLA




La mia essenza insapona e risciacqua la mia volontà
facendo assumere al mio presente una varia casualità
come nuvole che si abbracciano in un'originale forma
così nel cielo si riflette ogni mia banale e straordinaria orma.
Essere uomo è anche dissetare con il sacrificio la dignità
perchè il più piccolo senso viene suggerito dalla nostra abilità
come ferrata affrontata con adeguatezza e costanza
così ogni presa ha pari valore al moschettone che sull'io avanza.
(S.Z.)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento