venerdì 16 settembre 2016

MATINATA DA LUPI (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)


Pé l’aria er cèlo è de graffìte e argento,
un ciocco, che arde drent’ar caminetto
da “requie” all’ossa stracche d’un nonnetto.
‘Pé tutto, piove, fiocca o tira vento.
Un pupo, ancora, fà le nanne a’letto
e un poeta in finestra a quer momento,
se cunnola nell’anima un tormento
che sfogherà sur fojo có un sonetto.
Pé strada, ortr’ar chiarore d’un lampione,
la luce blu d’un auto de pattuja
svortica e frusta un monno de carbone.
Un’omo infreddolito in d’un cartone
ner dormiveja, smoccola e ciafruja:
- “questo nun è un ber giorno, p’un barbone”!
Giuseppe Caporuscio

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento