lunedì 12 settembre 2016

LUCILLA CONFORTA GORI




Al primo appuntamento mi resi invisibile
per non sciupare gli anni e il cielo di mia
madre. Mi vennero in mente le sue labbra.
Pronunciavano le parole, attenzione figlia
mia quando ti siedi ai piedi di un uomo. 
Non credetti a niente la prima volta che
ti vidi. Ma presi posto tra i denti addolorati.
Incurante dell'afrore che spinge il mondo.
lucillagori

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento