domenica 11 settembre 2016

L'ANGELO PENSATORE (BELGIRO DI MARZO)




Che ‘m ha mannato a fà
‘ncoppa a stà terra ‘mbrugliata
é core é sentimento?
Nun fa luce ‘o lampione
‘na tristezza é distruzione,
che brutta situazione
sto fermo é mò staziono,
penzo…é che penzo
troppa sofferenza
io ce stò… ma malapenzo,
chellu ppoco é luce riflettente
so io a intermittente,
troppo ‘nu disastro é nisciuno
pò accuncià,
io ‘nu povero Angiulillo
sbarcato ccà,
‘p riserva é mente do…
Pataterno,
no… nun è ‘p me
‘o fravacatore…nu saccio fa.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento