lunedì 19 settembre 2016

INSCIALLAH (GIORGIO BISIGNANO)

Scevro da pensieri filosofici
anche perché non ne so molto,
apro le braccia al cielo
fosco di nubi e disperati pianti
e non propenso ad una calorosa stretta.
Ma oggi sono felice e cingerei il mondo
se solo dio m’avesse dotato di braccia
non solo atte a a strigere una donna
o un amico sincero.
Guardo in alto cerco il blu che non c’è.
Umida foglia appesantita dall’acqua
plana pesantemente come un aereo abbattuto.
Non è zona di guerra ma il pensiero vola in Siria
ove la tregua è sottile come carta velina
e gli aiuti umanitari son bloccati.
Non si discute con bombe ormai lanciate:
cadono,incendiano,massacrano,distruggono case
città,uomini, donne, bambini…anime innocenti.
18-09-2016
Giorgio Bisignano
(Foto web)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento