domenica 18 settembre 2016

IL CALESSE (IGNAZIA MARIA ANGILERI)

Ci accomodiamo sul calesse della vita, 
con cavalli spronati 
e ben addestrati.
Ognuno mira dritto al suo 
traguardo,
chi accellera il galoppo
e non si accorge dell' intoppo.
Qualcuno viaggia cauto,
ai suoi profitti
è molto attenzionato.
C'è chi invece ha dimenticato
la sua via,
e tira dritto verso l' ipocrisia.
Poi qualcuno ai suoi cavalli ha messo le briglie,
ed ha assaporato il gusto
degli imbrogli.
Qualcuno rallenta il suo passo,
dando spazio a chi è intento
ad un sorpasso.
In quel percorso si fa strada
anche il calesse
del male intenzionato,
incurante che da tutti
i calessi in corsa è odiato.
Ma ecco che in fondo allo
squadrone,
c'è chi è umile,
non esita a tirar
le redine per rallentare
la sua corsa,
per dar spazio al suo simile.
Quest' ultimo è il calesse
dell' amore,
che a tutti vuol premiare.
Prendetelo, perché chi va piano
va sano e va lontano.
I.M.A.
18-09-2016

2 commenti:

Lascia il tuo commento