lunedì 19 settembre 2016

‘A SULITUDINE (BELGIRO DI MARZO)




Sulitudine é cumpagnia
triste è ‘o core ‘p ‘na vita,
è ‘nu sbaglio ‘ru penziero
riest’ sule é senza niente,
tu nun vire a gente a ttuorno
l’appocundria ‘t cuntorna,
ma n’amico ven’ ‘ncontro
se ce pienze ‘o tiene ‘ncuollo,
guarda buono, nun fa ‘o cecato
chill’ amico è comme ‘o frato,
si t’ammiri int’ ‘o specchio,
chill’amico… si proprio tu.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento