mercoledì 17 agosto 2016

LI DONI DALLA VITA (DANIELA MORESCHINI)

Mentre che 'na notte stavo a letto penzanno all'ingiustizzie de la vita, me domannai:
"C'è chi è ricco, chi cià la gloria, chi fa cariera, chi manco 'n acciacco...e io? che ciò io? Che m'ha dato a me la vita?"
Co' 'sto groppo 'n gola m'addormii, poi ner pieno der sonno sentii quell'arietta fresca sfioramme er viso
"Papà sei te?"
- E chi voi che te viè a trova' a 'st'ora de la notte? Fija mia, ma perchè te fai tutte 'ste domanne? In pace cor cervello proprio non ce rieschi a stà? -
"Papà ho sempre cercato pace, ma tante battaje ho combattuto!"
-Quelle te so servite pe' cresce e fatte diventà donna. Nun conosci la guera pe' questo nun sai ch’è la pace!-
"Lo vedi quanti ricchi ce stanno ar monno, te pare giusto? Noi conoscemo er sudore de la fronte pe' pochi euri ar mese e devo fà li conti ggiusti pe’ fammeli abbastà!"
- Sei fortunata fija mia perchè nun hai mai conosciuto nè la fame né la sete!-
"Te ricordi papà che ber lavoro che ciavevo? Eri orgojoso de me, de quello ch'ero riuscita a fà puro co' pochi studi.
Poi quell'incidente maledetto m'ha stroncato tutto!"
- T'è rimasta la vita fija mia, sei reggina de 'na casa co' 'n principe che t'ha messo su 'n trono d'oro e da lì gnente te potrà fà scenne! So ancora più orgojoso de te-
"Quanto ho sofferto papà? Quante malatie? Quanti ospedali, quante operazzioni e c'è chi nun cià manco 'n acciacco!"
- T'è servito pe' conosce la sofferenza dell'antri fija mia, de quelli che sapeveno de nun avè speranze ner domani eppure lottaveno ancora, te invece potevi penzà ar futuro tuo!-
"E pe' mi fija quanto ho pianto? Nun se capivamo, se n'era annata! Me se so' 'mbiancati li capelli dar dolore e tante rughe mò ciò sotto all'occhi!"
- La lontananza t'è servita perchè facessi er primo passo pe' annaje 'ncontro, mettendo da parte l’orgojo tuo fino a che ve sete rincontrate.
A me la morte m'ha strappato un pupo de du' anni, ho dovuto camminà fino ar celo p'aritrovallo.
Oggi sei 'na madre fortunata ad avecce 'n gioiello come lei.-
"Ma nun ce penzi a quanto dolore ho provato quanno sete morti tutti e due quasi inzieme lassannome da sola e senza fratelli?
Me so sentita 'n corpa pe' nun avè tentato quarcosa de più pe' voi!"
- Sei stata privileggiata fija mia! T'avemio accompagnato pe' quarant'anni, nun ciavevi più bisogno de la mano nostra, eri ormai 'na donna e potevi camminà da sola.
Penza a quanti pupi invece, nun hanno mai conosciuto er calore e le braccia de la madre.
Te ciai avuto le braccia sue e l'amore nostro ch'è stato solo pe' te!
Nun te fà corpe senza senzo, principessa, grazzie all'amore tuo avemio sofferto meno, ma er tempo nostro su 'sta tera era ormai finito. -
"La felicità esiste papà?"
- E' 'na risposta che devi da cercà dentro de te fija mia.
Nun conosci nè la povertà nè la guera, ma dignità e pace.
Penza ar compagno de la vita tua, a la famija che sei riuscita a costruitte puro co' le lacrime, all'amore che t'avemo dato, ar soriso de l'amico sincero e a li conzij de l'amica quanno che stai ‘n dubbio.
Penzece principessa e dimme te si la felicità esiste -
"Ma io ce l'ho tutte ’ste cose! Papà...è forse questa la felicità?"
-L'hai trovata da sola la risposta.
Adesso dormi Principessa e fa sparì quei penzieri neri che nun te fanno vedè la felicità!-
D.M.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento