domenica 21 agosto 2016

INCOSCIA[ [MENTE] di RINA SARCONE


Ho spalancato gli occhi
il corpo madido di sudore,
e calde lacrime solcavano
il mio viso, era solo sogno.
Mi sono rivista bambina
camminare sui verdi prati,
spedita, con i piedini nudi
quasi volessi correre via.
Una camicia da notte
che sembrava portata via
ad una vecchia bambola
d'un colore rosa antico.
Ho scorto un ombra
che mi veniva incontro,
che m'afferrava le spalle
ero irrigidita dal terrore.
Dalle mie labbra un suono
che nulla aveva d'umano,
pareva un urlo minaccioso
della mia inconscia mente.
Rina S.
Coperto da Copyright ©

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento