giovedì 4 agosto 2016

I CULURE ‘E NAPULE (BELGIRO DI MARZO)




Napule senza culure ?
E’ muorto,
‘na vita appassiunata
che mutante spase ‘o sole,
‘na voce è canto, na
figliola ‘nnammurata
‘ca…‘t pitta ‘o cielo ‘cu ‘na luce
é paraviso…è ‘t fa russo chillu
viso,
viculo é viculillo tra culure
‘mpircchiaccate, ‘t ‘nghiacca
a vita é sta città,
a gente è povera, ma ricca
é tanta core,
Pinuccio canta ancora,
Napule é mille culure,
‘nu saluto assaje vicino,
cià guagliù … ‘cca cé stò io,
negozi é bancarelle,
parulani da città,
mo ‘nu sisco é mo ammuina
n’armunia è chesta ccà,
trombe é trumbettelle
triccaballacca é tamburrelle,
fanne suoni che caccavelle,
‘p sta città che…è troppa bella.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento