venerdì 19 agosto 2016

FIJO DER PECCATO di DANIELA MORESCHINI


Era l’anno der primo dopo guera
quanno solo l’amore rigalava sorisi
A lei que l’anno nun rigalò
solo er soriso, ma puro ‘n pupo
che se sentiva cresce drèntro.
Nisuno capì quer miracolo d’amore!
Voleveno che lo buttasse via
oppuro sortì da quella casa
c’aveva macchiato cor disonore.
De sera, sotto ar temporale,
da sola se n’annò pe’ Roma
in cerca de l’amore suo,
mannanno così a fanculo
l’onor perduto.
Quanno che vide nasce quer pupo
bionno e bello come er sole
nun je ‘mportò d’esse stata rinnegata,
strigneva ar petto Gesù Bambino!
Quer pupo rimase su la tera
solo du’ anni e poi volò
tra l’angioli der celo.
Ce fu chi disse ch’era er castigo
che j’era stato inflitto:
perché quello era
er fijo der peccato.
Invece era solo finito er tempo suo,
nun c’è Dio che ammazza un pupo
nato da ‘n amore semprice e pulito
E’ solo l’ipocrisia dell’òmo
e la schiavitù de ‘na fede farza
che s’enventa ‘ste storie de peccato
pe’ tene’ le donne legate a le catene.
Doppo quarch’anno, ‘n antro angiolo
dar celo je fu mannato
pe’ conzolalla der dolore suo.
Quer nòvo fijio je rigalò
così tanto amore...
Anche pe' quello
che nun c’era più!
D.M.
(ai miei genitori)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento