sabato 6 agosto 2016

ER PARADISO IN TÉRA (Notte d’estate in campagna) di MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO


Notte d’estate, quanto sentimento!
Giro pé ‘sta campagna che m’è cara
sotto ‘na luna cìcia ch’arischiara
le fronne che ciovettano cor vento.
A la lontana arpeggia ‘na chitara,
er sòno suo se spanne, dorce e lento,
veste d’amore l’aria e in d’un momento
se fà conchija pé ‘na perla rara.
“Madre Natura”, fra ‘sta Pastorale,
ricama in cèlo un sogno e ‘na preghiera
có sinfonie de grilli e de cicale.
Così, mentre un miracolo s’avvera,
t’accorgi che frammèzzo a tanto male
c’è puro er paradiso su ‘sta tèra!
Giuseppe Caporuscio.
LEGENDA:
Cicia= dicasi cicia di chi si atteggia teneramente tra il ruffiano e il lamentoso alla ricerca di coccole (es: mamma. me so fatta male ar ditino.... ma nun è vero gnente, tiè te ce dò un bacetto... come è cicia sta fija mia).
Ciovettano= usano moine e versi per attirare l'attenzione dell'amato.
Se spanne= si spande.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento