venerdì 12 agosto 2016

E SONA ANCORA, STU MANDULINO (SPADERA GIUSEPPE)


Scènne a sera
'ncopp' a l' onne calme
e stu mare
e o sole s' arretìre,
p' appriparà nata jurnata,
lassànnese e spalle
mille e mille culure
che disegnano stu tramonto
ch' è a fotografia e nu quadro,
ca nisciuno pittore
ancora, sape cupià.
E tu, Napule,
già te staje facenne bella,
pe nata serata r' ammore,
cu sti luci che chianu chianu,
s' appìcciano, pe fà meno scuro
sta notte che t' annascònne.
E comme tanti stelle,
brillano pe strade toje
addò, 'nzieme addore e mare,
re 'mpepate e cozzeche
e de fritture e pesce
servute all' aperto,
se pònne gustà sti delizie
ammiranno tutte e monumenti,
ca tuorno tuorno
se fanne 'cchiù belli,
sott' a friscura e sta sera d' estate.
E sona ancora, stu mandulino,
na musica che canta e te,
na musica che tu,
chisà quanna vote
l' avrai sentuta,
ma, ogni vota, è comme
si fosse sembe a primma vota!
E a 'ncurunà a magia e sta serata,
ce sta na Luna,
bella, comme maje è stata
e pare nu brillante,
uno e chilli giojelli che se regalano
pe na prumessa r' ammore,
fatta a Marechiaro,
sott' a fenestella 'chhiù famosa
ro munno,
oppure.... pare na lanterna,
che fa luce pe nu vaso regalato,
sott' e mura ro Castel Dell' Ovo,
addò nu pezzullo r' ammore
se culora r' eternità
e nu 'nce lasse 'cchiù,
o ancora....pe fa cumbagnia
a n' abbraccio stanne affacciati
a 'cchiú bella terrazza,
che guarda 'ncoppo o Golfo e Napule,
o Vesuvio,
o posto addò o Paraviso,
se trova sultanto nu miraculo,
'cchiù ' ncoppe.
Napule, e sona ancora
stu mandulino,
na musica che canta e te,
na musica che è semb' a stessa,
comme e l' ammore che ogni ghiuorne ce regali,
ma ca ogni ghiuorne
pare sembe comme si fosse,
a primma vota.
( Trad. E SUONA ANCORA, QUESTO MANDOLINO )
Scende la sera
sulle onde calme
di questo mare
e il sole si ritira,
per preparare un' altra giornata,
lasciandosi alle spalle
mille e mille colori
che disegnano questo tramonto
che è la fotografia di un quadro,
che nessun pittore
ancora, sa copiare.
E tu, Napoli,
già ti stai facendo bella,
per un' altra serata d' amore,
con queste luci che piano piano,
si accendono, per fare meno buia
questa notte che ti nasconde.
E come tante stelle,
brillano per le tue strade
dove, insieme all' odore del mare,
di impepate di cozze
e fritture di pesce
servite all' aperto,
si possono gustare queste delizie
ammirando i monumenti,
che tutt' intorno
si fanno più belli,
sotto la frescura di questa sera d' estate.
E suona ancora, questo mandolino,
una musica che canta di te,
una musica che tu,
chissà quante volte
l'avrai sentita,
ma, ogni volta, è come
se fosse sempre la prima volta!
E ad incoronare la magia di questa serata,
c' è una Luna,
bella, come mai lo è stata
e sembra un brillante,
uno di quei gioielli che si regalano
per una promessa d' amore,
fatta a Marechiaro,
sotto la finestrella più famosa del mondo,
oppure....sembra una lanterna,
che fa luce per un bacio regalato,
sotto le mura del Castel Dell' Ovo,
dove un pezzetto d' amore
si colora di eternità
e non ci lascia più,
o ancora....per fare compagnia
ad un abbraccio stando affacciati
alla più bella terrazza,
che guarda sul Golfo di Napoli,
il Vesuvio,
lì dove il Paradiso,
si trova solo un miracolo
più sopra.
Napoli, e suona ancora
questo mandolino,
una musica che canta di te,
una musica che è sempre la stessa,
come l' amore che ogni giorno ci regali,
ma che ogni giorno
sembra sempre come se fosse,
la prima volta.
Giuseppe Spadera

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento