sabato 13 agosto 2016

DESIDERIO (d'agosto) di BRUNA CICALA

Ho camminato scalza
sulla rotta del nord,
attraversando scie di corvi frastornati
dall’argento dell’imprevisto.
Ho riconosciuto le orme
su disarmoniche note d’infinito
mancanti della meta e dell’altra sua metà
consumata nei frammenti.
Ho danzato scalza
ai confini di una notte chiara
dove i colibrì erano prisma
e i sogni non cadevano
sull’infinito mare.
Scalza ho attraversato il tempo breve
di un raggio incandescente
nel vento caldo del tuo sguardo,
desiderata.
Desiderando.
©bruna cicala/R

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento