mercoledì 3 agosto 2016

COMME NU MIRAGGIO (SPADERA GIUSEPPE)


Comme nu miraggio,
me faje verè sta vita,
cu l' illusione e na realtà ca nunn' è 
e staje sempe tra e cose 'cchiù
preziose,
si a casa pe stu core
ca s' aspetta sempe na parola ra toja,
nu messaggio che quanna arriva,
si se fa nu surriso,
capisco ca si tu
e senza leggere,
già pare tutto 'cchiù bello.
So parole che nu parlano r' ammore,
ma r' ammore jèngheno l' anema,
raccontano e tutto chello che nu 'sarrà,
vestènno r' illusioni sti mumenti,
che portano o prufumo,
o culore re capille,
o calore e na carezza
ca appartenano sul' a te.
Tu si o miraggio
miezo o deserto e sta vita,
addò l' ammore se racconta sulo
rint' e favole
e addò a solitudine se fa cumbagnia,
ricenne ca nunn' è sola.
Tu parli e n' ammore
c' ammore nunn' è,
e cuntinui a regalà st' illusioni,
pecchè stu cielo have bisogno
e se vestì ancora r' azzurro,
pe fa vulà natu poco e nuvole,
rint' a nu mare fatt' e speranze
e o sole,
ch' ancora sente o bisogno
e regalà nu surriso a stu munno,
tutt' e matine e ogni ghiuorne.
E a me, ca ajzànno l' uocchie 'ncielo,
pozze scegliere na nuvola,
che me porta natu poco
'cchiù vicino o sole,
pe sentì meglio chillu calore,
che fa calore sule pe te,
pe vivere natu poco e magia
che sule nu core annammurato,
pò penzà e vivere.
Pecchè ammore è a fullìa
che s' è fatt' a casa rint' o core
e sule partènne a là,
pò truvà a strada che porta a te,
sinò, se perde, sulo,
rint' a na giungla e verità,
che se fanno a capa
rint' a nu specchio,
senza riflesso.
( Trad. COME UN MIRAGGIO )
Come un miraggio,
mi fai vedere questa vita,
con l' illusione di una realtà che non è
e sei sempre tra le cose piú preziose,
sei la casa per questo cuore
che aspetta sempre per una tua parola,
un messaggio che quando arriva,
se fa un sorriso,
capisco che si tratta di te
e senza leggere
già pare tutto piú bello.
Sono parole che non parlano d' amore,
ma d' amore riempiono l' anima,
raccontano di tutto quello
che non sarà,
vastendo d' illusione questi momenti,
che portano il profumo,
il colore dei capelli.
il calore di una carezza,
che appartengono solo a te.
Tu sei il miraggio
nel deserto di questa vita,
dove l' amore si legge
solo nelle favole
e dove la solitudine si fa compagnia
dicendo di non essere sola.
Tu parli di un amore
che amore non è,
e continui a regalare queste illusioni,
perchè il cielo ha bisogno
di vestirsi ancora d' azzurro,
per far volare un altro pó le nuvole,
in un mare fatto di speranze
e al sole,
che sente ancora il bisogno
di regalare un sorriso
a questo mondo,
tutte le mattine di ogni giorno.
E a me, che alzando gli occhi al cielo,
posso scegliere una nuvola,
che mi porta ancora un pó
più vicino al sole,
per sentire meglio quel calore,
che fa calore solo per te,
per vivere un altro pò di magia
che solo un cuore innamorato,
può pensare di vivere.
Perchè l' amore è una follia
che si dimora dentro al cuore
e solo partendo da lì,
può trovare la strada che porta a te,
altrimenti, si perde, da solo,
in una giungla di verità
che si pettinano in uno specchio,
senza riflesso.
Giuseppe Spadera

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento