martedì 23 agosto 2016

CHARLES MECCHARLES




E damme 'na canna …
E la canna no,
nun te la do'!
E damme 'ma canna,
eddaje …
E proprio no,
la canna nun te la do'!
Quanti pianti,
costa il tuo sorriso?
Quanti sorrisi ebeti
può sopportar la coscienza?
Quanto vale la tua anima
annebbiata dal paradiso
se il buon Dio non te l'ha offerta?
Ma damme 'na canna …
E dal fumo della tua canna
che profumerà il mondo,
saremo mercè di dubbi,
nell'ambigua incerta realtà
che metteremo a tacere
cullandosi nell'altrui saggezza …
E damme 'sta benedetta canna
e falla finita di sentenziar da Padreterno!
S'io fossi
ciò che tu dici,
t'offrirei gratis un friccico
di sano dolor di mamma,
con 'na spruzzata di cuor ingrato
verso chi amorevolmente ti generò.
Se'io fossi
ciò che tu dici,
i tuoi begl'occhi chiuderei per un'ora
per offrirti dei tuoi cari
del cuor l'orrido buio;
s'io fossi
ciò che tu dici,
t'avrei le gambe stoccato
perchè nella dannazione t'indigni
al maledetto desiderio di spinello.
E damme 'ma canna,
eddaje …
E proprio no,
la canna nun te la do'!
Ahimè,
quel profumo di canna invocata,
desiderata sempre inseguita,
è il nauseante sapor della morte ...

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento