lunedì 29 agosto 2016

CASA (ARAN LUKAS)


Sono ormai legato
a questa mia terra
di pianura ed acqua
Risaie e campi di mais
a perdita d'occhio
Sparute cascine
ricordo ormai
d’una vita lontana
fatta di lavoro e fatica
e sacrifici
e mani spezzate
dal duro lavoro
Cuori forti ma gentili
pronti a dividere
anche quello che non hanno
E poi canali e rogge
d'acqua chiaccherina
in estate
E la cornice
dei monti lontani
con albe e tramonti
da togliere il fiato
Aldilà del fiume
colline
incorniciate da boschi
e verde brillante
Ho speso i miei anni maturi
in questa pace
senza troppi rumori
Ed ancora oggi qui
si vive un’altra storia
lontana dai clamori
d'un mondo indifferente
Mi sento a casa
dentro le cose
in queste notti silenziose
rotte solo
dal verso pacato di civette
e segnali di cuculi
E non mi muovo più
© 2016 Aran Lukas

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento