venerdì 12 agosto 2016

AUTUNNO (ENZO DI GIOVANNI)

Scriverò con versi tristi
dei giorni che abbellisti
di autunno i tuoi capelli
i miei sogni e acquerelli

Avanzava la stagione
di colori ed emozione
di serate e uccelli neri
di tramonti e di pensieri .

Eran le aie pien di tini
di raccolti e contadini
di profumi e di ricordi
dei tuoi baci e di bagordi .

Pigiavamo a piedi nudi
nel fienile tutti ignudi
e l’ardor che c’inondava
di licor e ci ubriacava .

Sentivo il tuo respiro
dentro me e percepivo
l’infinito tra le stelle
al vibrar della tua pelle .

Esplosioni di umori
di gioie e di timori
per un dì che fu poi rio
ed ancor ne pago il fio .

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento