giovedì 11 agosto 2016

A TARALLUCCI ‘E VINO (BELGIRO DI MARZO)


‘Na pittata é na parola
faccio ‘o quadro é faccio
a prosa,
chi culure ‘nchiavicate
mentre ‘nchiacco ‘cu lu gnostro,
pitto é forme a fantasia
che parole é puisie,
taralluccio a buco apierto
faccio a rima é tu l’aspiette
quanne vevo a tinta rossa
nun è gnostro ma vino tuosto,
vuje ‘m date alleria
mentre pitto é puisie,
n’alleanza é fratellanza
taralluccio é vino janco,
sta pittata l’aggiu scritto
nun è a capa che l’ha ditto,
chillo è ‘o core ca ‘m parla
é tutte chelle c’aggia fa.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento