domenica 24 luglio 2016

QUESTO E' ER ROMANO (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)

.QUESTO E' ER ROMANO
( I )
P'esse romano e p’esselo verace
nun basta avé sortanto la matrice,
ce vòle puro che la levatrice
ciabbi la discennenza a le fornace.
Si voi campà pé sempre alegro e in pace
domannelo a un romano e te lo dice;
ce vò un amore che te fa felice
e 'na magnata come più te piace.
Li regazzini, qua so battezzati
assieme a l'acqua, er sale e l'ojio santo
cor mejo Cannellino de Frascati
mentre che a l'osteria se sente un canto
e un coro fa stornelli strampalati
co 'na chitara a arpeggio ch'è un incanto.
QUESTO E' ER ROMANO
( II )
A Roma nun ce sta più religgione
perché co sta maniera der progresso
pare che nisun omo è più lo stesso;
s'illude de cambià ogni situazione.
Ma invece de penzà tanto a l'appresso
e camminà drent’a ‘sta confusione,
mettete a sede, canta 'na canzone
e godete la vita, nun fa er fesso.
Tanti bajocchi ponno da dolore,
li sbattimano dureno un momento,
arzeno invidia e porteno rancore.
Suppuro ciai in saccoccia solo er vento
tu penza a empì la panza e addolcì er core
…questo è er romano, sa campà contento.
Giuseppe Caporuscio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento