lunedì 11 luglio 2016

L’AFA ‘E NOTTE (BELGIRO DI MARZO)


‘Ne ‘na foglia ‘e ‘ne rummore,
zitto ‘e ‘o cielo int’ a nuttata,
manca l’aria ‘e manca ‘o viento,
nun ‘s sente ‘nu lamiento,
‘s respira a vocca aperta
‘p ‘nu ciato a ‘rravuglià,
chesta è n’afa appreparata,
nun ‘s rorme sta nuttata,
giro attuorno a balcunata,
sto cercanno ‘o lato buono,
‘nu spiraglio ‘e stramacchio,
cerco proprio d’acchiappà,
manca ‘o ciato, manca l’aria,
chistu cielo ‘e chien’ ‘e afa,
pure a luna nun respira,
pare n’uocchio abbandunato,
veco ‘e stelle ‘e so durmiente,
senza a forza ‘p brillà… manca
‘o ciato pure a loro,
chesta è a forza da natura,
ma che bella fregatura.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento