sabato 2 luglio 2016

IO, UN DISABBILE (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)


Ciò giorno e notte un sogno né la mente:
na vita che nun sia più fatta a scale,
perché, sia che se scegne o che se sale
sopra sta sedia a rote, so impotente.
Io, potrebbi campà guasi normale,
si a certe istituzzioni o a certa gente
der debbole nù je fregasse gnente,
e fusse tanto assente da fà male.
Ma in fonno, è arisaputo, che a sto monno,
er sazzio nun ce bada all’affamato
e chi se sta a affogà se ne va a fonno.
Però chi scappa da chi soffre o mòre,
è proprio quello er vero menomato:
ciàvrà le cianche ma j’amanca er core!
Giuseppe Caporuscio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento