venerdì 29 luglio 2016

IL DOLORE (BULLO ROBERTO CICCONI)




Ecco.... osservo con l'occhio estasiato.
La natura ha vestito un colore
differente, nuovamente rinato,
che lenisce e accarezza il dolore.
Il mio sgurado è mutato, è diverso,
noto, solo, le cose più belle,
pur se il mondo non è così terso,
ora colgo corone di stelle.
Sì, singhiozzo la mia sofferenza,
ma rimescolo, accorto, le carte
e mi accorgo che non ha più importanza,
il silente arrivar della morte.
29-07-2016.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento