domenica 24 luglio 2016

FIUME IN “SECULA SECULORUM” (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)


Ner mentre sprocessioni a mare, lento,
leggenno er letto tuo come un giornale,
ricconti, mormoranno, er bene e er male
dé secoli de gioia e de tormento.
A Tibberina, fiotti d’ospedale
e a Ponte Mollo quer combattimento
dove morì Massenzio e cammiò er vento
pé Costantino e “Roma Clericale”.
Custode e spettatore fra la gente
d’amore, pene, odio, indiferenza
e morti cunnolati pé corente.
Ma tutto score, e come l’esistenza,
l’acqua der “Bionno” è sempre diferente
puro si in fonno cià la stessa essenza!
Giuseppe Caporuscio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento